Dedicato a tutti quelli che non si voltano dall'altra parte. A quelli che vogliono cambiare la sorte di gatti sfortunati per abbandono, malattia, invalidità, vecchiaia e soprattutto mancanza d'amore.


Per le vostre copie del Libro Primo che raccoglierà i racconti, le cronache e le felosofie della "Casa de Il Ventunesimo Gatto", di seguito le coordinate per il pagamento; attraverso Paypal, Postepay, e Bonifico.

- attraverso Postepay (4023600949135638) intestata a PAOLO VIOLI (VLIPLA76H03H647T); 
- bonifico intestato a PAOLO VIOLI C/O LA BANCARELLA MICIOSA ( IBAN IT28D03268223000EM000061694 - CODICE BIC SELBIT2BXXX)
- con Paypal all'indirizzo di posta elettronica labancarellamiciosa@gmail.com


(ci raccomandiamo per il pagamento attraverso Paypal, di procedere utilizzando l'opzione "invia denaro ad amici", per evitare che vengano addebitati € 1,20 di commissione)

Per quietanza, vogliate scriverci (info@labancarellamiciosa.it) attestando il pagamento avvenuto. procederemo quindi, alla spedizione

Ogni copia, ha un costo di € 25,00; comprensivo delle spese di spedizione. L'intero profitto (tolte le spese, che vi rendiconteremo !), sarà devoluto in beneficenza. Noi, non ci guadagniamo nulla; se non un pò di popolarità. Perché ci auguriamo siate sempre più numerosi e soprattutto motivati nel sostenere le nostre iniziative ed attività. I volontari e le volontarie che quotidianamente si occupano di tantissimi gatti e gattini randagi ospiti nelle nostre oasi e colonie feline, ve ne saranno immensamente grati.

PER LO ZAMPOGRAFO, È RICHIESTA L'ISCRIZIONE A TEAMING; A SOSTEGNO DELLE NOSTRE ATTIVITÀ E INIZIATIVE.


le vostre opinioni sono importanti, inviateci le vostre considerazioni; grazie.

Gianna

"un capolavoro d'amore."

Paola

"emozionante la lettura, qualche lacrimuccia e' scesa nel ricordo di Salvo. racconti bellissimi, veri e saggi. mi sono commossa alla penultima pagina in cui sono stata menzionata. orgogliosa di essere nelle vostre affettuose simpatie."

Paolo

"delicato e coinvolgente."

Anna

"leggere le vostre storie mi ha appassionata, emozionata, rallegrata, ma anche a volte commossa e intristita e qualche lacrima è scappata. se un libro riesce a toccare così profondamente l'anima, la missione è compiuta."


" Perche' il ventunesimo?

Per scelta, per caso o per fortuna, negli ultimi anni abbiamo avuto con noi sempre venti gatti. Una "colonia" privata, ospitata nutrita e coccolata come meglio sapevamo fare. Poi un giorno di inizio estate in giardino è comparso dal nulla un minuscolo micio bianco e nero, con la mascherina, che avrebbe dovuto chiamarsi Sunny, perché era sempre in cerca di un raggio di sole che lo scaldasse.Ma a portare un nome non ha fatto in tempo.

E' una storia triste, ancora oggi a pensarci mi scappa una lacrima, ma sento che presto proverò a raccontarvela.




Questo micio ha cambiato il nostro modo di prenderci cura dei suoi simili: ci ha fatto conoscere dei dottori bravissimi e soprattutto umani. Ops, no, forse è meglio dire dottori animali, perché noi umani non sempre siamo tanto umani. Ci ha fatto capire che le piccole vite non hanno un peso specifico e un né una durata definita. Sunny, il ventunesimo gatto che non è stato, ha aperto la strada e il cuore per tutti i ventunesimi gatti a venire.D'ora in poi nella nostra famiglia bestiale ci sarà sempre un posticino per un gatto malato, infortunato, cieco, sordo, sdentato o tutte le cose insieme. Uno sfigato, insomma, come diremmo noi. Solo che il gatto, per quanto malmesso, non si sentirà mai uno povero disgraziato. Lui si considererà semplicemente il ventunesimo gatto, quello che è arrivato per ultimo e che è evidente che è un tipo tosto e sa come cavarsela, altrimenti fin qui non ci sarebbe mai arrivato.

Questo micio ha cambiato il nostro modo di prenderci cura dei suoi simili: ci ha fatto conoscere dei dottori bravissimi e soprattutto umani. Ops, no, forse è meglio dire dottori animali, perché noi umani non sempre siamo tanto umani. Ci ha fatto capire che le piccole vite non hanno un peso specifico e un né una durata definita.

Sunny, il ventunesimo gatto che non è stato, ha aperto la strada e il cuore per tutti i ventunesimi gatti a venire.D'ora in poi nella nostra famiglia bestiale ci sarà sempre un posticino per un gatto malato, infortunato, cieco, sordo, sdentato o tutte le cose insieme. Uno sfigato, insomma, come diremmo noi. Solo che il gatto, per quanto malmesso, non si sentirà mai uno povero disgraziato. Lui si considererà semplicemente il ventunesimo gatto, quello che è arrivato per ultimo e che è evidente che è un tipo tosto e sa come cavarsela, altrimenti fin qui non ci sarebbe mai arrivato. 

"